Chi è il pedagogista?

Quando ho aperto il blog vi ho anticipato nel post Argomenti pedagogici che avrei parlato anche del ruolo del pedagogista e oggi mi appresto a farlo.

Il pedagogista è un esperto di processi educativi e formativi, eroga le sue prestazioni alla persona durante tutto l’arco della vita. Tranquilli, non ho commesso nessun errore. So che quando si parla di pedagogia e pedagogisti si fa un’associazione diretta alla fanciullezza e ai servizi per l’infanzia (asili in particolare), ma questo professionista si occupa della persona nella sua interezza e senza limiti di età. Presta le sue consulenze al singolo, alla coppia, alla famiglia, al gruppo e alle istituzioni, attraverso attività educative e rieducative, di prevenzione, culturali e formative, e non solo/per citarne alcune. Può svolgere la sua professione in qualità di dipendente presso scuole, comuni, privato sociale e sociosanitario, ministero di Grazia e Giustizia oppure come libero professionista presso studi privati o enti pubblici e privati.

Questo esperto aiuta il genitore, il docente, l’educatore e la persona nel sviluppo dell’educazione di sé e in relazione agli altri. L’educazione, cioè l’arte di tirar fuori il meglio delle persone, riguarda, come si evince da quanto detto sino ad ora, ogni momento e ogni aspetto della nostra vita.

Il pedagogista si occupa dei problemi quotidiani senza trascurare la formazione continua, attua un percorso di potenziamento delle risorse e dell’empowerment della persona e del suo ambiente, di uno sviluppo sano, del benessere, delle problematiche scolastiche, fornisce un sostegno alla genitorialità e opera negli sportelli di ascolto,  si occupa delle attività di orientamento scolastico e professionale, di progettazione, coordinamento, di formazione professionale e aggiornamento, di attività di sperimentazione e di ricerca.
Questa premessa non vuole assolutamente essere esaustiva, ma delineare in maniera chiara.questa professione, che si avvale di una formazione universitaria.

Fatto ciò penso sia doveroso abbozzare un piccolo excursus storico.

Il pedagogo era, per i greci, uno schiavo che accompagnava i fanciulli a scuola e in palestra mentre per i romani, si occupava di queste faccende e insegnava la lingua greca. Successivamente il termine è diventato quasi un sinonimo di insegnante, gli è stato poi attribuito il ruolo di educatore dei bambini ed infine si è arrivati alla definizione odierna.

Vi aspetto per il prossimo post sulla consulenza pedagogica.

Precedente Minori e cellulari. Emergenza educativa? Successivo La consulenza pedagogica... questa sconosciuta